fff
Sistemi di gestione certificati
fff

SICUREZZA SUL LAVORO

CAMPI ELETTROMAGNETICI (CEM)

CEM Torino Il rischio da Campi Elettromagnetici (CEM) appartiene alle "Radiazioni non Ionizzanti", che comprendono anche le Radiazioni Ottiche (e cioè i Raggi Ultravioletti - le Radiazioni del Visibile - i Raggi Infrarossi), e viene considerato dal D.Lgs 81/08 tra gli "Agenti Fisici" al Titolo VIII e in particolare Capo IV.
I CEM comprendono in particolare le radio frequenze (RF), le microonde (MO), le ELF (Radiazioni a frequenze estremamente basse) e i Campi Magnetici Statici.
I rischi da CEM non comprendono i rischi da contatto con parti in tensione che sono oggetto di altra Normativa specifica.
Tra le principali tipologie di sorgenti, vi sono numerose attività lavorative che possono comportare esposizioni a CEM, cioè nell'intervallo di frequenza da 0 a Hz fino a 300GHz.

1.Sorgenti di campi elettrici e magnetici statici
2.Campi elettrici e magnetici ELF negli ambienti industriali
3.Riscaldatori industriali a radiofrequenza e microonde
4.Apparecchiature biomediche
5.Apparati per telecomunicazioni
6.Varchi magnetici e sistemi antitaccheggio
7.Sistemi di identificazione a radiofrequenza (RFID)

Il D.Lgs 81/08, Titolo VIII Capo IV, esplicita in maniera molto chiara gli obblighi del Datore di Lavoro relativamente alla Valutazione del Rischio. Secondo la norma, se non è possibile "giustificare" (essere certi che le esposizioni sono nulle o trascurabili) il Datore di Lavoro valuta e, quando necessario (qualora risulti che siano superati i valori di azione), misura o calcola i livelli dei CEM ai quali sono esposti i propri lavoratori.
La Valutazione, la misurazione ed il calcolo devono essere effettuati in conformità alle norme europee standardizzate dal Comitato Europeo di Elettrotecnica (CENELEC), tenendo conto in particolare di:

- Livello, spettro di frequenza e durata e tipo dell'esposizione
- Valori limite di esposizione e valori di azione
- Tutti gli effetti sulla salute e sulla scurezza dei lavoratori particolarmente sensibili al rischio
- Qualsiasi effetto indiretto
- L'esistenza di attrezzature di lavoro alternative progettate per ridurre i livelli di esposizione ai CEM
- La disponibilità di azioni di risanamento volte a minimizzare i livelli di esposizione ai CEM
- Per quanto possibile, informazioni adeguate raccolte nel corso della sorveglianza sanitaria, comprese le informazioni reperibili in pubblicazioni scientifiche
- Sorgenti multiple di esposizione
- Esposizione simultanea a campi di frequenze diverse.

Richiedi informazioni
Unione Europea Regione Piemonte Provincia di Torino Efei corsi sicurezza e formazione online
fff
fff
ASQ consulting   
ASQ Consulting google plus

Design by Atmosfera - Web development by Mantanera