VEDI CATEGORIE

SICUREZZA LAVORO

CONSULENZA IN MATERIA DI RIFIUTI


La gestione dei rifiuti è definita dal D. Lgs. 152/06 come un'attività di pubblico interesse, che deve essere svolta nel massimo rispetto della salute dell'uomo e dell'ambiente, con particolare attenzione alla specificità dei rifiuti pericolosi.
Obiettivo prioritario della legge è la prevenzione/riduzione della produzione di rifiuti attraverso l'utilizzo di tecnologie pulite, di prodotti a basso rischio inquinante e di tecniche appropriate per l'eliminazione di sostanze pericolose contenute nei rifiuti al fine di favorirne il recupero. A ciò si aggiunge l'impegno ad adottare misure volte al recupero dei rifiuti tramite il riciclo, il reimpiego ed il riutilizzo per ottenere materie prime secondarie o nuove fonti di energia.
ASQ Consulting si propone in veste di consulente per supportare il cliente nelle seguenti operazioni obbligatorie:

  • Compilare il Formulario di identificazione del Rifiuto (FIR) con le modalità previste dal D.M. n° 145 del 01.04. 1998, ogni qual volta vengono trasportati con mezzi aziendali i rifiuti destinati al deposito aziendale o alla discarica;
  • Registrare le operazione di carico associate ai rifiuti generati sull'apposito Registro di Carico e scarico, con le modalità previste dal D.M n°148 del 01.04.1998, in caso di rifiuti destinati al deposito temporaneo;
  • Predisporre presso la sede operativa un area destinata al Deposito temporaneo, raccogliendo i rifiuti speciali in appositi contenitori identificati con il codice CER (Catalogo Europeo dei Rifiuti) di riferimento;
  • Verificare periodicamente lo stato di riempimento dei contenitori predisposti assicurandosi che i quantitativi prodotti non siano mai superiori ai criteri volumetrici e temporali del deposito temporaneo;
  • Se si decide di avvalersi di un fornitore per lo smaltimento dei rifiuti, assicurarsi che quest'ultimo sia qualificato per il servizio di ritiro e smaltimento dei rifiuti speciali prodotti e provvisto di autorizzazione allo smaltimento degli stessi;
  • Iscriversi all'Albo nazionale gestori ambientali presso il Ministero dell'ambiente e tutela del territorio in caso di attività di raccolta e trasporto di rifiuti non pericolosi prodotti da terzi, di raccolta e trasporto di rifiuti pericolosi, di bonifica dei siti, di bonifica dei beni contenenti amianto, di commercio ed intermediazione dei rifiuti senza detenzione dei rifiuti stessi, nonché di gestione di impianti di smaltimento e di recupero di titolarità di terzi e di gestione di impianti mobili di smaltimento e di recupero di rifiuti.

SANZIONI

La gestione dei Rifiuti in maniera non conforme al D. Lgs. 152/06 è punita con sanzioni penali e/o amministrative pecuniarie. Per chiunque effettui attività di raccolta, trasporto, recupero, smaltimento, commercio ed intermediazione di rifiuti in mancanza della prescritta autorizzazione, iscrizione o comunicazione o provochi inquinamento, sono previsti infatti, a seconda della pericolosità dei rifiuti:

  • ammende da 2.600 a 52.000 euro
  • fino a sei anni di reclusione.
Dal 1° ottobre 2010 è in vigore il nuovo Sistema Informatico di Tracciabilità dei Rifiuti "SISTRI", al quale le Aziende devono aderire: senza adesione non sarà più consentita l'attività di gestione dei rifiuti per le aziende obbligate ad iscriversi. L'avvio di questo sistema sostituirà le tradizionali scritture ambientali (registro di carico e scarico, formulario e Mud) attraverso dispositivi elettronici USB ed una black box (scatola nera) da installare sui mezzi di trasporto da parte di officine autorizzate dal Ministero dell'Ambiente.

Questo l'elenco dei soggetti che hanno l'obbligo di adesione:

  • le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi;
  • le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui all'articolo 184, comma 3, lettere c), d) e g), del decreto legislativo n.152/2006, con più di dieci dipendenti;
  • i commercianti e gli intermediari di rifiuti senza detenzione;
  • i consorzi istituiti per il recupero e il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti che organizzano la gestione di tali rifiuti per conto dei consorziati;
  • le imprese di cui all'articolo 212, comma 5, del decreto legislativo n. 152/2006 che raccolgono e trasportano rifiuti speciali;
  • le imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti pericolosi di cui all'art. 212, comma 8, del decreto legislativo n. 152/2006;
  • le imprese e gli enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento di rifiuti.

RICHIEDI SOPRALLUOGO GRATUITO:

Compila il modulo sottostante e inviaci la tua richiesta specifica. Il nostro personale ti ricontatterà nel più breve tempo possibile.

ATTENZIONE: i campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Nome e Cognome*:
Denominazione sociale*:
Telefono*:
E-mail*:
Partita IVA*: